Seleziona una pagina

Pdl Bologna. Tomassini scuote il partito: “Primarie anche per noi”

“Gara interna a novembre, o il candidato lo sceglie Roma”

Il Pd di Bologna ne ha fatto una scelta irrevocabile, anche con l’obiettivo di riconciliarsi col proprio “popolo”. Ma adesso anche nel Pdl si ragiona sulle primarie per la scelta del candidato sindaco.

Dopo aver ‘bruciato’ l’ex direttore del ‘Resto del Carlino’, Giancarlo Mazzuca, autore suo malgrado di una fuga da lontano non giunta al traguardo, ed essersi scontrato nelle ultime ore sull’ipotesi Daniele Corticelli (sulla quale ha frenato il coordinatore regionale Filippo Berselli), ecco che il partito di Silvio Berlusconi s’interroga sull’elezione del candidato. Dopotutto, le “primarie non le ha inventate la sinistra, ma gli americani”, osserva l’ex capogruppo in Comune Lorenzo Tomassini, oggi coordinatore dei gruppi di lavoro nel partito, il quale immagina due tappe: prima le primarie interne al Pdl (“a novembre”) e poi la consultazione allargata a Lega nord (“a dicembre”), Udc e la lista di Daniele Corticelli.

Per Tomassini, che porra’ la questione ai vertici del partito, le primarie sarebbero sia il modo di “sbrogliare la situazione” nel centrodestra, sia la via attraverso la quale il Pdl locale potrebbe togliere alle segrete stanze romane la scelta del candidato. “Bisogna che la periferia si renda autonoma – avverte – senza dipendere dalle logiche di spartizione nazionale”. Dopo il passo indietro di Mazzuca, nel Pdl e dintorni stanno emergendo diverse ambizioni e personalita’, tra cui quelle di Giuliano Cazzola, di Paolo Foschini, di Enzo Raisi e dello stesso Corticelli. Contemporaneamente, “lo abbiamo visto alla Festa, la nostra gente ha voglia di partecipare, di dire la propria”. Quale soluzione migliore, dunque, che affidare ai simpatizzanti la scelta del candidato sindaco? “Cominci il Pdl a dare il buon esempio“, e’ l’invito di Tomassini, che poi propone di allargare la consultazione agli alleati che ci staranno. Quella del berlusconiano non e’ una folgorazione sulla via di Damasco: gia’ qualche hanno fa organizzo’ un incontro sull’argomento primarie, di cui furono ospiti anche Raisi (da tempo sostenitore di questo metodo in un partito in gran parte recalcitrante) e Corticelli.

Agenzia Dire