Seleziona una pagina

Comunicato stampa Milano, 19 febbraio 2014
Nasce oggi a Milano il Coordinamento Nazionale anti movida selvaggia e
degrado
Con lʼincontro del 19 febbraio 2014 a Milano, i numerosi rappresentanti delle
associazioni e dei comitati arrivati da tutta Italia hanno dato forma ufficiale al
Coordinamento Nazionale anti movida selvaggia e degrado.
Unendosi, essi formano un compatto e significativo nucleo che rappresenta
ormai milioni di cittadini in tutto il Paese.
Sono state messe in comune le esperienze di ogni città e i rapporti di ognuna
con le proprie amministrazioni locali.
Eʼ stato eletto un Consiglio direttivo e un rappresentante per ogni città.
Sono stati definiti gruppi di lavoro che specificamente si occuperanno dei temi
relativi alla problematica:
• analisi del fenomeno movida e relativo degrado
• impatto sulla salute dei residenti
• impatto sulla salute delle giovani generazioni
• impatto sui beni storici, culturali e ambientali
• esperienze e regole internazionali
• diritto italiano e comunitario, coordinamento assistenza legale
• attività di comunicazione e rapporti con la stampa
Sono stati individuati gli obiettivi prioritari:
• attuazione del rispetto delle leggi e delle regole (come avviene in qualsiasi
paese civile) attraverso il confronto con le istituzioni locali e nazionali, le
prefetture
• sensibilizzazione dellʼopinione pubblica sulle gravi criticità dellʼattuale
gestione selvaggia della movida, anche attraverso il dialogo con la Chiesa e
gli esponenti della cultura
• creazione di un concreto progetto a livello nazionale di revisione radicale del
“sistema movida”, le cui dilaganti e devastanti conseguenze sono
testimoniate da grandissima parte delle città italiane, come sinteticamente
espresso nel corso dellʼincontro dai rappresentanti di ogni città.
Il lavoro è impegnativo e di grande responsabilità, ma è proprio con questo
spirito che il Coordinamento Nazionale vuole affrontare una tematica troppo
spesso trascurata o appena sfiorata a periodi alterni dai politici e dai media.
Si escludono prese di posizione politiche o partitiche del Coordinamento che
raggruppa al suo interno persone delle più varie appartenenze: Lʼazione del
coordinamento va oltre gli schieramenti e rivendica il diritto di vivere in un
contesto civile e autenticamente democratico.