Seleziona una pagina

Il Sindaco Merola e l’Assessore Lepore ci hanno fatto sapere che andranno in “missione” in Corea. Lo faranno per promuovere sinergie economiche e per onorare l’invito di chi ci stima ed ammira per il nostro modello sociale. Avete capito bene: il nostro modello sociale. Non ridete, perché i coreani, dal braccio evidentemente corto, agli “ospiti” offriranno solo vitto ed alloggio. Il resto lo pagheremo noi, noi sudditi bolognesi. Solo di biglietti 6.000,00 euro: ai “ragazzi” piace viaggiare comodi, soprattutto quando pagano gli altri.
Calma, non è tutto.
Altro aspetto curioso della vicenda è che i nostri due “alfieri” saranno accompagnati, oltre che dall’Assessore regionale Marzocchi, anche dai presidenti di Legacoop e di Cadiai, interessati a sondare opportunità imprenditoriali e sinergie con il lontano oriente. Tutto legittimo e comprensibile, dal loro punto di vista, ma assolutamente anomalo da quello del cittadino.
Chi ha deciso di dare questa opportunità a queste realtà economiche? Se il Sindaco è di tutti, come di tutti sono i soldi con cui viaggeranno lui e Lepore, perché il primo cittadino affianca e sponsorizza realtà economiche che perseguono finalità private? Trovo davvero di cattivo gusto, ed a questo giudizio per il momento – ma solo per il momento – mi limito, dare anche solo l’impressione (ma in questo caso siamo ben oltre l’impressione!) che in città esistano imprenditori “più uguali degli altri”. Qualcuno ci vuole spiegare perché Legacoop si ed altri no? Venerdì, al question-time, lo chiederò pubblicamente, davanti alla città, con la speranza che i bolognesi comincino ad ascoltare …