Seleziona una pagina

Dopo l’articolo pubblicato da Antonio Amorosi su affaritaliani.it/emilia-romagna, con cui denunciava la massiccia stipulazione di contratti finanziari “derivati” da parte delle società partecipate dal Comune di Bologna, ho deciso di avviare un percorso conoscitivo chiedendo la convocazione in Commissione Bilancio dell’Assessore di riferimento,dei Revisori dei Conti del Comune, dei legali rappresentanti di ACER, HERA, TPER,INTERPORTO …, oltre ai rappresentanti di ANATOS, società specializzata in contenziosi legali del settore, ed allo stesso Antonio Amorosi.
La seduta, convocata per le ore 14,30, si annuncia “interessantissima” anche perchè, in seguito ad una mia recente interpellanza, l’Assessore al Bilancio (Prof.ssa Silvia Giannini) dichiarava:”Il Comune di Bologna non ha derivati e non ne ha mai avuti, perché si ritiene che non siano uno strumento adatto ad una pubblica amministrazione”. Come sempre, riponendo la massima fiducia nei nostri vertici, decidevo di alimentarla con una richiesta di accesso agli atti. Solo ieri, ovvero il giorno prima dell’udienza conoscitiva, la Dirigente del settore Partecipazioni Societarie mi ha fatto pervenire la risposta. Una lunga nota il cui contenuto, purtroppo, non posso riferire.
L’Amministrazione, infatti, MI HA VINCOLATO AL SEGRETO, pena responsabilità penali (CHE GIA’ IN PASSATO, TRASCINANDOMI FINO IN CASSAZIONE – MA VENENDO SEMPRE ASSOLTO – CERCARONO DI ATTRIBUIRMI PER AVER INDAGATO SU VILLA SALUS E SCOPERTO RESPONSABILITA’ ENORMI DI COFFERATI& C.)
E’ giusto che i cittadini non possano sapere ?
Anche su questo fronte oggi alle 14,30 cercheremo risposte.
Lorenzo Tomassini